Polo culturale Sant’Agostino-Estense: la Lega chiede chiarezza sul progetto dopo i pasticci combinati dall’Amministrazione Comunale

124

Written by:

Senza entrare nel merito delle questioni urbanistiche che verranno affrontate a maggio con la Conferenza dei Servizi e delle raccomandazioni avanzate dalla Soprintendenza (il necessario restauro delle mura medievali), riteniamo opportuno puntualizzare alcune responsabilità e soprattutto domandare all’Amministrazione Comunale di Modena quali siano le reali intenzioni nei confronti di un progetto, quello del Polo culturale Sant’Agostino-Estense, che ambisce ad essere di “livello internazionale”.

La testardaggine di Giancarlo Muzzarelli ha infatti già fatto perdere troppo tempo al cronoprogramma dell’opera, quando sarebbe bastata una sua maggiore flessibilità per capire che l’idea delle Torri di Aulenti andava abbandonata subito; un atteggiamento sbagliato quello del Sindaco, che lo ha peraltro messo in serio contrasto con la Fondazione Cassa di Risparmio, sponsor e vero deus ex machina della buona riuscita dell’ambiziosa operazione.

Alla Lega, infatti, interessa soprattutto capire quale sia la strategia di salvaguardia del patrimonio culturale che verrà messa in campo e la sua sostenibilità nel tempo: tutela del patrimonio librario, specie quello antico, che dovrà essere trasportato durante il trasloco e in particolare, quali saranno le garanzie sulla sua digitalizzazione: vista la drastica riduzione di personale specializzato, la catalogazione dei volumi verrà appaltata alle solite cooperative, senza assicurazioni in termini di qualità (e senza nemmeno risparmi nei costi)?

Quali accordi sono stati messi in campo con il Ministero dei Beni culturali, data la necessità di conciliare competenza comunale e competenza statale nella realizzazione del progetto?

Ci saranno le auspicate sinergie con le istituzioni scolastiche e il necessario coinvolgimento degli studenti per mantenere costantemente vivo un Polo culturale il cui costo supererà i 110 milioni di euro?

Da Muzzarelli e dalla sua Amministrazione attendiamo chiare risposte su questi precisi indirizzi, perché il nascondersi dietro “all’audizione degli esperti” non è all’altezza delle aspettative di una città come Modena.

 

 

 

 

 

 

Stefano Soranna
Segreteria Lega Modena

 

Last modified: 1 Mag 2018