News

SETA: meno burocrazia, meno poltrone e più investimenti!

32

Written by:

La manutenzione ordinaria e straordinaria dei mezzi costituisce una priorità per un’azienda di trasporti pubblici ed è una voce di bilancio fondamentale, su cui è necessario evitare qualsiasi taglio di spesa. Evidentemente la dirigenza di Seta S.p.A. non la considera tale, tant’è che nelle ultime settimane sono andati in fiamme diversi autobus, senza contare ovviamente i guasti innumerevoli che si verificano sulle linee gestite dalla partecipata pubblica.

Ma tanti sono gli aspetti della gestione Seta che meritano un attento esame da parte delle autorità, come dimostra la sanzione comminata recentemente dall’Ispettorato del  Lavoro.  Ad esempio su quale base viene elargito un premio di risultato annuale ai dirigenti di questa Azienda, viste le numerose criticità prodotte dal duumvirato Bulgarelli-Badalotti? A partire proprio dalla flotta aziendale, sino la pessima gestione del personale (numericamente al di sotto delle reali esigenze di servizio) e ai conseguenti danni d’immagine di un’Azienda che sino a pochi anni fa era considerata il fiore all’occhiello del nostro Comune.

Lega Modena chiede un cambiamento di rotta nell’indirizzo gestionale, quindi meno burocrazia e meno poltrone, più investimenti nel rinnovo e nella manutenzione dei mezzi, nella gestione del personale e nelle infrastrutture.

 

Segreteria Lega Modena

Continue reading

Lega Modena: Sicurezza, in disaccordo con le dichiarazioni di Muzzarelli!

31

Written by:

Il sindaco e assessore alla sicurezza Muzzarelli, viste le dichiarazioni rilasciate durante il consiglio comunale di ieri nel commiato all’arch. Chiari dal comando del corpo di Polizia Municipale di Modena, ci lascia perplessi e ci trova in sostanziale disaccordo. Grave errore non perseguire la strada di una soluzione interna per il nuovo comandante; infatti solo una persona al corrente delle vicissitudini che hanno alterato negativamente i rapporti tra il dirigente capo e la truppa può favorire la riorganizzazione e ristabilire la stima che gli agenti devono avere per chi li comanda.

Una persona autorevole, umile ma esperta che conosca qualità, capacità dei singoli operatori e possa farle esaltare durante il servizio, consentirebbe di aumentare l’efficienza di tutto il comando. Le relazioni sindacali non ci competono direttamente ma non mi pare siano migliorate nel tempo, anzi risultano peggiorate. La video sorveglianza è da rivedere nella sua gestione e va attuata in collaborazione con le altre Forze dell’Ordine, in quanto è impossibile che un operatore possa tenere monitorata da solo una centrale così complessa.

D’altronde è notorio come i rapporti con le altre Forze dell’Ordine, durante il mandato del precedente questore, fossero nulli. La Polizia di prossimità non è certo opera di Chiari, esisteva già dai tempi di Famigli, anzi forse ne è peggiorata l’efficienza contando più sui numeri dei rapporti giornalieri che sulla qualità dei servizi svolti. Come Lega Nord più volte abbiamo ribadito quanto sia di maggiore efficacia una attività continuativa e funzionale rispetto ad una a spot, volta solo a placare temporaneamente il malumore espresso dai cittadini.

Durante le riunioni di organizzazione del controllo di vicinato, abbiamo visto sempre la presenza di funzionari del comando con gli ispettori di zona mentre Chiari, abitando fuori Modena, alla sera rientrava a casa. Il servizio h. 24, sbandierato come eccellenza a garanzia e tutela del cittadino e del controllo del territorio, per chi ne conosce bene la funzionalità, sa perfettamente che cosi attuato è più un costo per la comunità che un valore aggiunto.

Avere la “autonomina” ad assessore alla sicurezza non ne certifica la competenza !!!

 

Luca Bagnoli
Commissario Lega Modena

Continue reading

SETA… continua a bruciare !!!

44

Written by:

Continuano a bruciare gli autobus di Seta Spa. Le interviste rassicuranti del presidente dimissionario Vanni Bulgarelli non trovano riscontro nella realtà.

Dopo gli episodi registrati nelle settimane precedenti, la manutenzione non sembra avere un riscontro oggettivo. L’automezzo del 2015, fa parte della flotta piu’ recente e nonostante tutto le condizioni dei mezzi sono a rischio dell’utenza.

La situazione è critica e gli investimenti , per ora, rimangono solo su carta.

Segreteria Lega Modena

Continue reading

Cambio al Comando di Via Galilei, auspichiamo soluzione interna

31

Written by:

Apprendiamo dalla stampa, il pensionamento a Luglio dell’architetto Chiari, comandante del Corpo di Polizia Municipale di Modena. Lo salutiamo e gli auguriamo serenità e tranquillità, cosa che non ha certo portato al comando in questi nove anni di gestione. Lascia, a chi lo seguirà, una situazione non facile da sistemare.

Si dovrà cominciare dalla riorganizzazione, tanto decantata ma rimasta una “chimera” e che invece ha bisogno di un lavoro che parte dalla qualità ed esperienza degli agenti. Auspichiamo che la scelta da parte dell’amministrazione, fino alle prossime elezioni del 2019, sia per valutare una soluzione interna al comando stesso.

 

Luca Bagnoli
Commissario Lega Modena

Continue reading

Parco delle Rimembranze, anni buttati al vento… Questa estate rivedremo finalmente i chioschi?

33

Written by:

I modenesi osservandone il degrado attuale ricordano certamente con nostalgia il Parco delle Rimembranze dei tempi migliori, parco che nel corso della bella stagione era diventato un punto di ritrovo quasi obbligatorio ed era percorso ai suoi margini da una moltitudine di persone che amava sostare nei chioschi e nei tavoli all’aperto.

Il degrado attuale (basti pensare agli spacciatori e ai balordi che stazionano nell’area attigua al Teatro Storchi) non è tuttavia stato determinato solo dalla “crisi” o dai “tempi che cambiano”, ma dall’assenza di una seria politica di valorizzazione dei luoghi storici di Modena da parte dell’amministrazione comunale.

Come è noto difatti il programma comunale di “riqualificazione urbanistica” e “valorizzazione commerciale” dello storico parco nel 2014 ha dovuto fare i conti con la giustizia penale, dato che il parco è un bene tutelato da una legge dello Stato essendo destinato a ricordare i caduti modenesi della 1^ guerra mondiale.

Benché i dirigenti e gli amministratori del Comune di Modena coinvolti nell’indagine siano stati assolti dal Tribunale in primo grado, negligenze o errori di valutazione dettati da supponenza e autoreferenzialità certamente sono stati commessi se non altro a livello politico/amministrativo, se è vero che almeno tre cantieri posti all’interno del parco sono rimasti sotto sequestro preventivo per ben tre anni e che il procedimento penale a quanto ci risulta non si è ancora concluso avendo la Procura appellato la sentenza di proscioglimento.

Gli “incentivi” che di recente sono stati deliberati dalla Giunta Muzzarelli solo in minima parte possono compensare i danni da mancato guadagno patiti dai titolari degli esercizi pubblici: anziché attendere il verdetto del giudice penale l’amministrazione avrebbe a nostro parere potuto attivarsi per ottenere la revoca anticipata dei sequestri senza rimanere ancorata al progetto inizialmente approvato che, come tutti possono osservare, contempla delle antiestetiche strutture in cemento armato di importanti dimensioni ancorate al suolo – anziché strutture rimovibili di più piccole dimensioni e/o di altro materiale (ad esempio in legno), come pure era stato suggerito a suo tempo – che se non ridimensionate rischiano di snaturare quella prestigiosa zona verde della città.

Ad oggi, a quasi dieci mesi dalla pronuncia del Tribunale che raccomanda la presenza dei chioschi nel Parco perché innegabilmente “funzionale a garantirne decoro e maggiore sicurezza”, la situazione di bruttura e degrado è rimasta immutata dato che nessun cantiere ha ripreso a funzionare; né le strutture in cemento armato sono state demolite o ridimensionate.

Temiamo pertanto che i modenesi dovranno rassegnarsi a vivere un’altra estate ricordando la bellezza e la funzionalità di quello che fu il Parco delle Rimembranze.

 

 

 

 

 

 

 

 

Stefano Soranna e Antonio Baldini
Segreteria Lega Modena

Continue reading

Polo culturale Sant’Agostino-Estense: la Lega chiede chiarezza sul progetto dopo i pasticci combinati dall’Amministrazione Comunale

28

Written by:

Senza entrare nel merito delle questioni urbanistiche che verranno affrontate a maggio con la Conferenza dei Servizi e delle raccomandazioni avanzate dalla Soprintendenza (il necessario restauro delle mura medievali), riteniamo opportuno puntualizzare alcune responsabilità e soprattutto domandare all’Amministrazione Comunale di Modena quali siano le reali intenzioni nei confronti di un progetto, quello del Polo culturale Sant’Agostino-Estense, che ambisce ad essere di “livello internazionale”.

La testardaggine di Giancarlo Muzzarelli ha infatti già fatto perdere troppo tempo al cronoprogramma dell’opera, quando sarebbe bastata una sua maggiore flessibilità per capire che l’idea delle Torri di Aulenti andava abbandonata subito; un atteggiamento sbagliato quello del Sindaco, che lo ha peraltro messo in serio contrasto con la Fondazione Cassa di Risparmio, sponsor e vero deus ex machina della buona riuscita dell’ambiziosa operazione.

Alla Lega, infatti, interessa soprattutto capire quale sia la strategia di salvaguardia del patrimonio culturale che verrà messa in campo e la sua sostenibilità nel tempo: tutela del patrimonio librario, specie quello antico, che dovrà essere trasportato durante il trasloco e in particolare, quali saranno le garanzie sulla sua digitalizzazione: vista la drastica riduzione di personale specializzato, la catalogazione dei volumi verrà appaltata alle solite cooperative, senza assicurazioni in termini di qualità (e senza nemmeno risparmi nei costi)?

Quali accordi sono stati messi in campo con il Ministero dei Beni culturali, data la necessità di conciliare competenza comunale e competenza statale nella realizzazione del progetto?

Ci saranno le auspicate sinergie con le istituzioni scolastiche e il necessario coinvolgimento degli studenti per mantenere costantemente vivo un Polo culturale il cui costo supererà i 110 milioni di euro?

Da Muzzarelli e dalla sua Amministrazione attendiamo chiare risposte su questi precisi indirizzi, perché il nascondersi dietro “all’audizione degli esperti” non è all’altezza delle aspettative di una città come Modena.

 

 

 

 

 

 

Stefano Soranna
Segreteria Lega Modena

 

Continue reading

Alessandra Filippi assessore? Scelta elettorale, in un anno impossibile cambiare qualcosa.

32

Written by:

La scelta di nominare l’ex presidente di Legambiente Alessandra Filippi, come assessore all’Ambiente e alla Mobilità Sostenibile, ha sorpreso davvero tutti; dall’inceneritore agli alloggi di Vaciglio, tante battaglie che l’hanno vista protagonista in questi anni e che ora sarà costretta ad abbandonare unicamente per prestarsi al gioco politico del PD, costretto a recuperare consensi tra gli elettori più sensibili ai temi ambientali.

In pochi mesi nulla potrà cambiare realmente e per il neo assessore c’è il rischio concreto di essere utilizzata per un semplice calcolo elettorale; le elezioni amministrative sono alle porte e il PD sa bene di rischiare grosso, questa nomina è solo una mossa politica che testimonia le paure concrete di perdere il governo della città.  Facciamo perciò davvero fatica a comprendere la scelta di Alessandra Filippi e, a dimostrazione del fatto che non ci sarà nessun cambiamento di rotta, rileviamo il ruolo ancora più forte di Giulio Guerzoni, destinatario delle deleghe ai Lavori pubblici, Patrimonio e Infrastrutture.

Una scelta, forse dettata da gratificazione personale, rispettabile, ma che critichiamo duramente.

 

 

 

 

 

 


Stefano Soranna
Segreteria Lega Modena

Continue reading

Lega Modena – A quando il nuovo terminal per l’autostazione?

28

Written by:

Il piano di riqualificazione della Fascia ferroviaria – Area Nord – che prevede una serie di interventi infrastrutturali notevoli,  non include la messa in atto del  vecchio progetto di nuovo terminal/autostazione che doveva sorgere nei pressi dello scalo merci FF.SS ormai abbandonato.

Attualmente lo scalo è occupato abusivamente dai cosiddetti “profughi” come recentemente mostrato dalla visita effettuata dalla Lega. Mentre l’autostazione continua ad essere erroneamente collocata in Viale Molza / Via Bacchini.  In diversi capoluoghi di provincia e in quello  regionale, il terminal è collocato nei pressi della stazione dei treni, garantendo un interscambio efficiente per l’utenza.

A Modena invece si continua a tenere divisi 2 centri fondamentali per il transito dei mezzi di trasporto pubblico, aumentando il traffico, i tempi di percorrenza e di conseguenza, l’inquinamento.  La struttura dell’autolinee è obsoleta e fatiscente e, nonostante il rinnovo del sistema di infomobilità (in via di realizzazione), è evidente l’inadeguatezza e l’incompatibilità di tale complesso.

A partire dalle pensiline, alla biglietteria e soprattutto l’elevata concentrazione di utenti in determinati orari e giorni della settimana, che rende difficoltosa la manovra degli autobus e delle corriere in arrivo e partenza.

Lega Modena si domanda quando il Comune, la partecipata Seta e l’Agenzia di Mobilità (AMO) intendono realizzare il nuovo Terminal ponendo fine ad una divisione inutile e dannosa per la collettività?

 

Segreteria Lega Modena

Continue reading

SETA rimoduli il trasporto pubblico!!!

23

Written by:

Nel tardo pomeriggio di lunedì si è aggiunto un nuovo Bus alla lunga scia di vetture bruciate di proprietà di Seta SpA. Mezzi obsoleti e scarsa manutenzione sono all’origine dei numerosi incendi che si verificano sulle linee urbane ed extraurbane. Il rinnovo della flotta tanto sbandierato dall’attuale dirigenza di Seta per il bacino modenese, stenta a decollare.

Basti pensare che il Busotto n°80 andato in fiamme sulla Linea 8 è stato immatricolato nella seconda metà degli anni 90, ed avrà superato sicuramente il primo milione di km. Come si coniuga il pessimo servizio offerto alla cittadinanza modenese con le dichiarazioni ottimistiche della dirigenza Seta SpA? Vantarsi di aver chiuso il bilancio in positivo, non serve certo a colmare le carenze nei diversi aspetti gestionali, incluso il personale viaggiante,numericamente esiguo rispetto alle reali esigenze del servizio.

 

La Lega Nord di Modena invita Seta SpA a formulare un piano di investimenti in grado di azzerare le inefficienze e rimodulare il trasporto pubblico a Modena, in base alle esigenze reali dell’utenza. Non vorremmo nemmeno che Seta si trasformi nel rifugio di qualche politico che nell’ultima tornata elettorale è rimasto molto “deluso” dai voti dei Modenesi”

 

Segreteria Lega Modena

 

Continue reading

Bagnoli (LN): “Dopo l’arresto l’espulsione!!!”

24

Written by:

Ringraziamo le forze di Polizia Municipale per l’operazione di ricerca e identificazione a carico del molestatore seriale.

A questo punto, a garanzia e tutela delle ragazze e donne che viaggiano sugli automezzi e in generale data la “pericolosità” riconosciuta dagli stessi inquirenti,  pretendiamo come Lega Nord che il delinquente venga trattenuto in carcere e non rilasciato agli arresti domiciliari a salvaguarda anche della sua stessa famiglia, come viene sottolineato nella nota stampa.

Lo stesso straniero, non ha nemmeno più il diritto di rimanere sul territorio, avendo il permesso di soggiorno scaduto, quindi sarebbe opportuno, visti gli accordi con lo stato di provenienza (Tunisia) che venisse espulso dal nostro paese.

 

 

 

 

 

 

Luca Bagnoli
Commissario Lega Modena  

Continue reading