La promessa della Lega a Torino: «Nella Macroregione i clandestini non entreranno mai»

152

Written by:

Maroni e Bossi

Il primo freddo, e le prevedibili provocazioni da parte di alcuni facinorisi, non hanno fermato il popolo del Nord. Una folla di sostenitori della Lega ha  riempito ieri pomeriggio le strade del centro di Torino per protestare contro l’immigrazione clandestina e in difesa della legge Bossi-Fini. Una manifestazione, quella “per la legalità”, pensata l’estate scorsa e che oggi assume ancor più valenza politica dopo l’emergenza sbarchi scoppiata nel Mediterraneo. All’immancabile grido “libertà! libertà!”, dopo il raduno nel piazzale antistante la stazione di Porta Nuova, un corteo si è diretto fino a Piazza San Carlo, il “salotto” di Torino, per ascoltare il comizio del Segretario Federale, Roberto Maroni. Il governatore della Lombardia li ha rassicurati: «I profughi finché non ottengono il riconoscimento restano immigrati clandestini. E i clandestini nella Macroregione non entreranno mai». Piemonte, Lombardia e Veneto, dunque, a fronte di specifiche richieste, non li accoglieranno. «La domanda è: si possono fermare? Da ex ministro dell’Interno che si è occupato di lotta alla mafia e di contrastare l’immigrazione clandestina, la risposta è sì. Per questo – ha spiegato il segretario federale – mi rivolgo al ministro Alfano e gli dico: fammi una telefonata, che ti spiego… Primo, un ministro dell’Interno non si deve occupare delle beghe interne del suo partito o di altro, dev’essere operativo 24 ore su 24. Secondo: bisogna mandare le nostre navi vicino alle coste dei Paesi africani».
La versione integrale sul quotidiano

Alessandro Bonini
12 Ottobre 2013 – 20:54

 

Last modified: 12 ottobre 2013