«Credete in Dio o in Allah?» – Ragazzi aggrediti a Vignola

221

Written by:

C’è chi parla di “scherzo” riferendosi a quanto accaduto a Vignola nella notte di martedì scorso, dove 5 ragazzi sono stati accerchiati da una banda di magrebini, armati di pistola, chiedendo se credevano in Dio o in Allah.
Fatto inquietante e sicuramente ben lontano dal concetto di “scherzo” o di “ragazzata”, termini usati in modo totalmente improprio per cercare di insabbiare una vicenda che non deve assolutamente passare inosservata.

Ma la situazione di tensione scuote la provincia ormai da troppo tempo e solo chi mente a se stesso si stupisce realmente per un fatto simile, fortunatamente terminato nel migliore dei modi.

La speranza è ovviamente che, come emerso dalle ultime notizie, l’accaduto possa venire dimenticato in fretta non solo da chi ha avuto la sfortuna di passeggiare per le strade di Vignola, ancora convinto che si trattasse di un paese libero, nel quale si può uscire la sera con gli amici senza essere improvvisamente sequestrati da alcuni uomini armati, ma anche da tutti gli abitanti della provincia, i quali ormai da qualche anno, sopportano una situazione di costante insicurezza.

Insicurezza alimentata purtroppo dal Governo, giorno dopo giorno più lontano alle reali esigenze dei suoi cittadini, il quale ha già ufficializzato che le preoccupazioni maggiori per il prossimo anno saranno quelle di accogliere nuovi “presunti profughi” negli hotel della provincia e legittimare il matrimonio e l’adozione per le persone dello stesso sesso, come se questi fatti fossero prioritari per il rilancio del paese.

Ci aspettiamo una presa posizione da tutti quei buonisti che si preoccupano sempre dell’ultimo arrivato e dimenticano quelle migliaia di concittadini che vivono in una situazione di povertà assoluta, fiduciosi in un aumento dei controlli e della sicurezza nella nostra provincia, per far sì che fatti come questi non si ripetano più.

 

Il Coordinatore Provinciale dei Giovani Padani
Giacomo Torricelli

Last modified: 8 gennaio 2016