Abusivi a Milano, Salvini: “Sgombero in 15 giorni o lo farà la Lega”

240

Written by:

Cinque piani di un palazzo in costruzione, lasciato incompiuto da dieci anni, da due occupato illegalmente da un numero imprecisato di cittadini romeni, immigrati nord africani e senzatetto. Un caso più volte denunciato dai residenti del quartiere Lambrate-Ortica di Milano, che in via Bistolfi hanno smesso di circolare a piedi dalle 20 in poi.
A mostrare la situazione di estremo degrado è stato il vice segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, che ieri mattina ha guidato un sopralluogo nel palazzo, adiacente alla sede dell’Agenzia delle Entrate.  «Dopo l’ennesima telefonata di protesta da parte dei cittadini – ha spiegato Salvini – siamo venuti a verificare di persona questo schifo. O si interviene o lo sgomberiamo noi».
All’interno dello stabile, comunque a vista perché esiste soltanto la struttura senza muri, al piano terra sono state allestite cucine di fortuna, al primo vere e proprie baracche per la notte. E ancora sopra si trovano bagni a cielo aperto. Il tutto tra sporcizia ed escrementi di animali, in convivenza con una colonia di topi.
Gli abitanti hanno dato voce a tutta la loro frustrazione di fronte ad una situazione che pare non avere fine nonostante le numerose segnalazioni a Comune e Asl. Oltre alla mancanza di igiene e all’illegalità dell’intera situazione, gli abitanti del quartiere lamentano schiamazzi e liti da parte degli occupanti dell’edificio. In passato sono stati anche costretti a chiamare i vigili del fuoco per incendi all’interno dello stabile.
L’impresa costruttrice dello stabile è fallita e il principale creditore, che quindi è proprietario del palazzo, è Banca Intesa. L’8 novembre è calendarizzata un’udienza del processo fallimentare. La speranza di Salvini è che «la banca rimetta a posto, sgomberi, venda il terreno o ne faccia quello che vuole».
«Aspettiamo l’udienza dell’8 novembre – ha detto ancora Salvini – se non si troverà una soluzione interverremo noi con i cittadini. È uno schifo che va avanti da troppo tempo. Stampa e televisione non diffondono gli odori, ma qui si respira l’irrespirabile». Il vice segretario federale del Carroccio ha precisato che «non si tratterà di ronde ma di restituire dignità agli abitanti del quartiere Ortica e ha ribadito: «Se lo stabile non verrà sgomberato entro 15 giorni, interverremo noi della Lega Nord».

Last modified: 4 novembre 2013