News

Scandalo Cencetti, Bargi (Lega Nord): “da Maggio Chiediamo Risposte Sul Presunto Scandalo Di Corruzione E Abuso D’ufficio Nella Nomina. C’è Volonta’ Di Insabbiare Tutto?”

402

Written by:

“Nel consiglio comunale di Modena è recentemente riemerso il presunto scandalo di corruzione concussione e abuso d’ufficio corruzione tra la ausl Modenese e quella Piacentina, con la collaborazione di un funzionario regionale, che ha portato alla nomina di Stefano Cencetti a direttore del Policlinico di Piacenza. Possibile che noi attendiamo una risposta da maggio?”
Non ci sta Stefano Bargi, consigliere regionale modenese della Lega Nord. “Noi abbiamo convocato a maggio la commissione sanità per relazionarci su uno scandalo per cui si ipotizzano reati di corruzione tra la Ausl Modenese e quella Piacentina. E’ da Maggio che stiamo aspettando che la Giunta venga a relazionarci sulla situazione, ma ancora la commissione non è stata convocata. C’è forse la volontà tener il più possibile nascoste le informazioni sul caso?” – si chiede.
Poi, Bargi, riepiloga quanto chiesto a maggio dal gruppo consiliare regionale del Carroccio. “Avendo appreso dagli organi di stampa delle intercettazioni telefoniche e dell’inchiesta dei Carabinieri di Modena su un concorso, forse creato ad hoc per il dr. Stefano Cencetti, dall’Ausl di Piacenza ma con la collaborazione di un funzionario regionale, vista la regia politica che emergerebbe dalle intercettazioni e il fatto che queste costituiscono un secondo filone di indagini nell’inchiesta sugli appalti al Policlinico di Modena, visto il possibile conflitto di interesse rispetto al ruolo assunto dal dr. Cencetti durante il suo incarico presso l’Agenzia sanitaria sociale regionale, chiedevamo che venissero urgentemente a relazionare sulla vicenda in Commissione IV: il Presidente della Giunta Regionale Stefano Bonaccini, l’Assessore alle Politiche per la Salute Sergio Venturi, gli attuali vertici delle AUSL di Modena e di Piacenza, quanti si trovavano ai vertici delle due Ausl ai tempi dell’incarico conferito a Cencetti e la Direzione dell’Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”.

Continue reading

Stefano Bargi e Enrico Fieni (ln): “l’assessore gazzolo era sicura che la fase istruttoria si sarebbe chiusa in settimana. Ma restano forti criticita’ che invitano a rimettere in discussione il progetto”

440

Written by:

FOSSOLI (MODENA), 21-09-2016.

Le perplessità della Lega Nord erano state immediate, quando si apprese che la discarica per rifiuti “non pericolosi” di Fossoli di Carpi (Mo) sarebbe stata ingrandita. Ora, dopo un’interrogazione in Assemblea legislativa del consigliere regionale Ln, Stefano Bargi, è arrivata la risposta da parte dell’assessore Gazzolo, la quale assicura come Arpa fosse convinta di concludere la fase istruttoria della Conferenza dei servizi, entro il 19 settembre… Termine ormai trascorso, ma non è una novità. Visto che da un anno è atteso il parere della procedura di Via (la Valutazione di impatto ambientale) proposta da Aimag Spa, mentre la Regione ha approvato in primavera il Piano regionale di gestione dei rifiuti. Nel frattempo, il progetto di Fossoli è andato avanti, nonostante il parere negativo del Consorzio di Bonifica dell’Emilia-Centrale, in merito agli scarichi presenti e previsti per l’impianto. «Tutto questo ha provocato uno slittamento, perché si sarebbe dovuto tornare in commissione con gli adeguamenti al progetto – dicono il consigliere regionale della Ln, Stefano Bargi, e il segretario leghista di Carpi, Enrico Fieni –. Siamo arrivati quasi alla fine di settembre, ed il piano regionale è stato votato all’inizio di maggio: la logica invita a fare prima le valutazioni e a produrre le garanzie, per approvare un progetto su scala regionale, senza incappare in sorprese inaspettate.» In attesa di una sentenza positiva (con la discarica di Carpineti bloccata dal “rischio idrogeologico”) su Fossoli si sono moltiplicate le ipotesi: quella del quarto lotto, per la cronaca, prevede una volumetria aggiuntiva pari a 325mila metri cubi, con un ampliamento della superficie dell’impianto di circa 27mila e 500 metri. La Lega, che ha palesato in più sedi le sue perplessità sull’opera, era intervenuta alcuni mesi fa, per spingere l’istituzione regionale a supplire ai silenzi (e assenze nella commissione competente; ndr) del Comune di Carpi sulla procedura di Via. Anche per il fatto che la discarica «sorge sul confine della zona preservata delle Valli di Gruppo (inserita nel piano Natura 2000) e che è contraddistinta da canali e zone mirate a preservare la fauna e la flora selvatica. A nostro avviso – rincarano Bargi e Fieni, alla luce delle generiche rassicurazioni ricevute dall’assessore Paola Gazzolo – rimangono forti criticità sulle scelte del piano rifiuti e, nel caso specifico, vigileremo per capire come, a seguito dei problemi emersi nella fase di istruttoria, la Giunta vorrà comportarsi nel merito.»

Gruppo Lega Nord Emilia-Romagna

Continue reading

Stefano Bargi e Giuseppe Bettuzzi: “Giudici trovano tempo per parlare di ricongiungimenti di stranieri che non lavorano, ma non tutela i cittadini modenesi che subiscono l’immigrazione irregolare e devono difendersi in via giudiziaria da chi li aggredisce”

491

Written by:

Giudicano «incredibile e inverosimile», il consigliere regionale della Lega Nord, Stefano Bargi, ed il segretario provinciale modenese, Giuseppe Bettuzzi, quello che è stato il pronunciamento del Tribunale civile di Modena. «I giudici non trovano di meglio da fare che pronunciarsi in favore dei ricongiungimenti familiari, anche per gli stranieri che non lavorano – incalzano Bargi e Bettuzzi –. Come non bastassero i problemi di un territorio che viene costantemente invaso da stranieri irregolari, richiedenti asilo, che gravano sulle nostre comunità locali.» Di fatto, il Tribunale civile di Modena si è pronunciato in favore di una straniera che aveva ricorso contro il “niet” della Questura, al riconoscimento del permesso di soggiorno del marito, inoccupato. «In questo modo – rincarano Bargi e Bettuzzi – la giurisprudenza continua con la politica del “porte aperte” per tutti, senza alcun accorgimento per il buon senso e la sostenibilità del sistema. Chi si occuperà di tutti questi migranti in arrivo, senza che questi possano contare su di un reddito da lavoro? Il sistema, peraltro, è già al collasso.» Quasi automatico il collegamento con l’evidente discrepanza nei confronti degli italiani, «vessati, non sufficientemente supportati nelle situazioni di difficoltà – osservano dalla Lega – e nemmeno sostenuti nella loro difesa, quando ricorrono alla giustizia, per aggressioni o violenza da parte di stranieri senza scrupoli. Ancora una volta, i giudici dimostrano di essere lontani dalla realtà del Paese, come peraltro le Istituzioni sul territorio regionale, sempre pronte unicamente a schierarsi a favore degli immigrati.»

Continue reading

Muzzarelli si faccia da parte da Assessore alla Sicurezza!!!

449

Written by:

La Lega Nord Modena esprime massima solidarietà agli agenti violentemente aggrediti da una coppia di ben noti sbandati in piazza Dante; un evento che dimostra la situazione che regna in città, e specialmente nella zona antistante la stazione dei treni; nonostante le rassicurazioni del sindaco e del comandante Chiari. In questa area i segnali sono noti e da tempo, inutile “twittare” dal Comando di Via Galilei, la presenza a “spot” dell’auto di pattuglia, sono attività inutili e solo di facciata per “dimostrare” ai cittadini “arrabbiati” che le attività, in modo “numerico” vengono effettuate, quando ci vorrebbe una bonifica seria e completa ed un monitoraggio costante ed in borghese. Siamo al collasso, il controllo del territorio è totalmente assente, se a questo aggiungiamo la mancanza di leggi che garantiscono la certezza della pena, abbiamo davanti a noi uno scenario drammatico.
Muzzarelli si è auto incaricato ad “assessore alla sicurezza” sulla carta intestata lo è certamente, mentre nei fatti, tante chiacchiere, belle parole, tanti incontri, ma una ormai “dimostrata” inadeguatezza. Poche settimane fa, davanti alla civile protesta del principale sindacato della Municipale, il primo cittadino rispondeva con attacchi “allarmanti” per la carica da lui rappresentata.
La Lega Nord, unico partito in città, è in contatto con diversi cittadini della zona; ascoltati dopo l’aggressione di oggi, ci hanno informato che le risse e le urla fra cittadini stranieri sono in aumento, come lo spaccio, ormai sfacciato a qualunque ora del giorno e della notte; come abbiamo più volte segnalato, buona parte del ‘giro’ di via Poletti si è spostato in viale Crispi.
La Lega Nord chiede per l’ennesima volta, più controlli ai negozi etnici e sulle persone che gravitano in zona; richieste che rivolgiamo a Questore e Prefetto, il sindaco, per noi, non rappresenta più un interlocutore credibile, e ne chiediamo le immediate dimissioni da assessore che dati alla mano non può essere alla “sicurezza”

 

Luca Bagnoli

Stefano Soranna

Continue reading

Degrado ed insicurezza a Modena: non se ne può davvero più!

571

Written by:

La Lega Nord di Modena interviene per esprimere la propria rabbia innanzi al contesto di insicurezza generale in cui versa la città di Modena, amministrata purtroppo da un PD completamente assente di fronte ai problemi di sicurezza cittadina.
Infatti è ormai cronaca quotidiana quanto emerso da inchieste giornalistiche di questi giorni sulla situazione di degrado a causa di prostituzione, spaccio e violenza di matrice perlopiù straniera.
La Zona Tempio è esclusivo appannaggio di spacciatori, la prostituzione dilaga nei dintorni e proprio ieri, sempre a Modena, un clandestino algerino, già colpito da un decreto di espulsione, ha violentato una prostituta nigeriana di 19 anni in attesa dello status di rifugiata. Guarda a caso quando sorge un problema di droga, spaccio o violenza, nel 90% dei casi si tratta di fatti commessi da persone di origine extracomunitaria.
Anche questo tragico evento conferma perciò quello che noi della Lega predichiamo già da parecchio tempo, ossia che l’immigrazione di massa a cui stiamo assistendo altro non fa che alimentare attività illecite di ogni genere. Di lavoro non ce ne è e i presunti profughi iniziano così a dedicarsi alla mala vita a danno degli onesti cittadini che inermi non possono fare nulla.
Innanzi a tutto ciò il Sindaco Muzzarelli dovrebbe reagire con tenacia predisponendo un piano di sicurezza da condividere con le opposizioni, i comitati di quartiere e le associazioni di volontariato, per tentare di creare maggiore presidio sul territorio.
È infatti ormai pacifico che a Muzzarelli manchi il controllo capillare della città e che se non fosse per le inchieste giornalistiche e per il tenace lavoro di movimenti come la Lega, tanti problemi cittadini non emergerebbero a galla.
Il famoso “Patto per Modena sicura” promosso da Muzzarelli a suo tempo lo definimmo da subito una bufala, e così è stato. È ora di rimboccarsi le maniche e darsi da fare per tenere in ordine la città, auspichiamo a questo punto che il Sindaco Muzzarelli una volta tanto si decida ad affrontare con serietà il tema sicurezza.

Continue reading

Foto della Festa Nazionale

605

Written by:

Sono Online le foto della Festa Nazionale di Vignola a questo link

Vedi le Foto

Continue reading

Zona Tempio E Dintorni: La Piaga Della Prostituzione E Dello Spaccio Permane Ancora

516

Written by:

La Lega Nord di Modena interviene per esprimere la propria rabbia contro l’inefficienza della Giunta Muzzarelli sul noto problema della prostituzione e dello spaccio in zona Tempio e dintorni.
Ricordiamo infatti che per chiunque arrivi in Stazione a Modena la zona Tempio è il primo quartiere a cui si accede, dunque un pessimo biglietto da visita per turisti e stranieri giunti in città magari per visitare proprio il MEF distante pochi metri.
Al riguardo di recente la Polizia ha effettuato una retata antiprostituzione per cercare di porre un argine al problema di degrado che purtroppo affligge questa zona alle porte del centro storico, la quale dovrebbe, invece, essere valorizzata e tenuta in ordine. Nella retata, guarda a caso, è stato anche fermato un extracomunitario ricercato sul quale pende un ordine di carcerazione dal 2015.
Effettivamente dalle segnalazioni pervenute ci risulta che le prostitute e gli spacciatori siano perlopiù di origine straniera, motivo per cui aumenta la nostra convinzione a portare avanti la battaglia contro l’immigrazione clandestina di massa che il PD non contrasta in alcun modo.
Gli stessi residenti ci hanno confermato che le iniziative a spot del Sindaco Muzzarelli non hanno avuto alcuna efficacia risolutoria, anzi, ci siamo sentiti dire che “già dalle prime ore del pomeriggio le prostitute iniziano a sostare sui marciapiedi con poco distanti gli spacciatori”. In questo caso andrebbe quindi posto in essere un piano organico di recupero frutto di un reale confronto con i cittadini, i quali sono gli unici che in questa zona hanno fatto qualcosa per il quartiere, impegnandosi a tenere aperte le proprie attività commerciali e a segnalare alle Forze dell’Ordine le presenze sospette.
La Lega Nord invita perciò il Sindaco a fare una passeggiata nella zona Tempio e nei dintorni non per farsi fotografare, ma per intrattenersi con i commercianti al fine di ascoltare i loro problemi e individuare soluzioni concrete come, per esempio, disporre un presidio di Forze dell’Ordine in loco H24. Andrebbe infatti organizzata una turnazione tra Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale per garantire almeno una pattuglia di due agenti a tutte le ore del giorno. Nel caso di mancanza di personale cercare allora di coinvolgere i soldati dell’esercito come già avviene da tempo per il presidio del Tribunale; la loro presenza ha garantito sicurezza e controllo nelle vie del centro storico nella quali si trovano a presidio, riscontrando apprezzamenti da chiunque.
Alla luce di questi problemi ormai più che noti all’Amministrazione comunale, perché Muzzarelli non garantisce una pattuglia di almeno due uomini H24 dedita a perlustrare la zona Tempio e i dintorni? Stiamo chiedendo forse l’impossibile? La verità è che questa Giunta sul fronte sicurezza fa acqua da tutte le parti e manca di una vera volontà politica ad affrontare il tema sicurezza con decisione!

Continue reading

Aggressione da parte di una coppia di Albanesi a Ca’ di Sola

1392

Written by:

MODENA, 21/6/2016

Le minacce si sono susseguite, nel corso delle settimane, fino a che non si è arrivati all’estremo, con (pare) un coltello esibito davanti alle vittime dell’episodio. I Giovani Padani di Modena prendono la parola, per stigmatizzare il deplorevole atto, che si sarebbe verificato ai danni di una giovane coppia di Ca’ di Sola (Mo), ad opera di una famiglia di origine albanese, loro vicina di casa. «Sono stati numerosi gli episodi di intimidazione di questo tipo, denunciati più volte al comando locale dei Carabinieri – spiega il coordinatore provinciale del MgP, Giacomo Torricelli –; ai quali, in base a quanto ci è stato riferito da una delle vittime delle aggressioni, nessun provvedimento concreto è stato ancora preso, nei confronti di questi delinquenti.» I quali non hanno fatto mistero di agire liberamente, consci del fatto che «nessuno avrebbe potuto fare loro nulla.» Alla faccia delle politiche di integrazioni, dei buonismi e dei benpensanti, perché molto spesso le regole finiscono con il non tutelare proprio gli italiani vittime di soprusi. «Speriamo che l’amministrazione locale si mobiliti il più in fretta possibile – auspica Torricelli – per risolvere questo tipo di conflitti, senza aspettare, come al solito, che debbano succedere fatti ancora più gravi, perché si decida di prendere provvedimenti al riguardo.» I Giovani Padani, insomma, esprimono il proprio sdegno per l’accaduto e attendono che le istituzioni battano un colpo.

Continue reading

Festa Nazionale Lega Nord Emilia – Vignola 24, 25 e 26 Giugno

1189

Written by:

Ferma le Trivelle – il 17 Aprile vota SI

685

Written by: